Redenzione – Rédemption – Redemption – Redención

Foto di Marcello Comitini

Redenzione

Spesso lettori che si dichiarano di profonda fede cattolica, mi scrivono che vorrebbero non leggere le mie poesie perché hanno il potere di far riflettere sugli aspetti dolorosi della vita. Ma concludono le loro lettere affermando che non riescono a fare a meno di leggere i miei versi.

Io credo che ogni lettore che si accosta alle mie poesie, riesca poi a riflettere su ciò che ha letto secondo le esperienze vissute, la propria cultura e formazione religiosa o meno. E ritengo che qualunque esperienza vada rispettata e accolta.

Se dietro i miei versi i lettori sentono il mio dolore e il dolore del mondo, ci sarà pure un motivo. Forse perché loro stessi, che preferiscono non pensare agli aspetti dolorosi della vita, ne sono vicini. Ma nonostante questa loro vicinanza, non potranno mai sapere, e profondamente condividere, quale sia il motivo del mio doloroso scrivere.

Il dolore è nato insieme a me: aprendo gli occhi ho visto fin dalla nascita dolore e amarezza, miseria, paura del domani, tristezza per le cose perdute, rapporti anche amorosi, nati e portati avanti per convenienza o rispetto di credenze religiose e costumi sociali. Sono stato educato da persone cattoliche, il cui cattolicesimo era un modo per sfuggire alle angustie della realtà. Mia madre morendo ha visto la Vergine Maria tenderle le braccia. Ecco, questo è stato il solo segno di gioia intima e profonda che ho visto per la prima volta. L’ho visto nel suo viso, sorridente anche dopo la morte. Avevo trentacinque anni.

Dunque metà della mia vita l’ho vissuta tra aspettative e delusioni, tra rispetto formale e desideri repressi di libertà e di rivolta. Credo che questo abbia inciso profondamente nel mio animo, sin da piccolo.

Allora i prati e i fiori che gli altri riescono a vedere colorati, li vedo anch’io con la consapevolezza che posso solo vederli, ma anche con la consapevolezza che “tutto mi sfugge di mano”. Sta tutta qui la differenza fra il mio sentire e il loro.

La mia fede è in Cristo, non in Dio. La loro è in Cristo-Dio. Mi diranno che sbaglio e certamente sbaglio, ma vedo uomini (e donne) che soffrono a causa di tutti i mali della nostra natura umana. Non vedo un Dio che soffre: se soffrisse non sarebbe Dio. E se soffrisse per amore, non sarebbe un amore divino, ma umano, cioè tormentato. Cristo è morto da uomo e risuscitato da Dio. Ecco questa è la mia sola speranza, ma è troppo poco per dimenticare l’uomo che OGGI, e da quando l’umanità è spuntata sulla terra, vive e soffre. Questo è l’uomo che io celebro nei miei versi: il suo modo di affrontare la realtà, la sua delusione, i suoi sogni delusi, traditi e smarriti.
So bene d’essere una pecorella smarrita e anche nera. Ma spero che questi lettori accetteranno i motivi del mio smarrimento, e non proveranno a redimermi.

Rédemption

Souvent, des lecteurs qui se déclarent de foi catholique profonde m’écrivent qu’ils aimeraient ne pas lire mes poèmes parce qu’ils ont le pouvoir de faire réfléchir les gens sur les aspects douloureux de la vie. Mais ils concluent leurs lettres en déclarant qu’ils ne peuvent s’empêcher de lire mes versets.

Je crois que chaque lecteur qui aborde mes poèmes peut alors réfléchir à ce qu’il a lu en fonction de ses expériences, de sa propre culture et de sa formation religieuse ou non. Et je crois que toute expérience doit être respectée et acceptée.

Si derrière mes vers les lecteurs ressentent ma douleur et la douleur du monde, il doit y avoir aussi une raison. Peut-être parce qu’eux-mêmes, qui préfèrent ne pas penser aux aspects douloureux de la vie, en sont proches. Mais malgré leur proximité, ils ne pourront jamais savoir et partager profondément quelle est la raison de ma douloureuse écriture.

La douleur est née avec moi: j’ai vu depuis ma naissance la douleur et l’amertume, la misère, la peur de demain, la tristesse pour les choses perdues, relations aussi d’amour, nées et entretenues par commodité ou par respect des croyances religieuses et des coutumes sociales. J’ai été éduqué par des catholiques, dont le catholicisme était un moyen d’échapper à la détresse de la réalité. Ma mère mourante a vu la Vierge Marie lui tendre les bras. Ici, c’était le seul signe de joie intime et profonde que j’ai vu pour la première fois. Je l’ai vu sur son visage, souriant même après la mort. J’avais trente-cinq ans.

J’ai donc vécu la moitié de ma vie entre attentes et déceptions, entre respect formel et désirs refoulés de liberté et de révolte. Je pense que cela a profondément affecté mon âme, depuis que je suis enfant.

Puis les prairies et les fleurs, que les autres peuvent voir colorés, je les vois aussi en sachant que je ne peux que les voir, mais aussi avec la conscience que “tout devient incontrôlable”. C’est toute la différence entre mon sentiment et le leur.

Ma foi est en Christ, pas en Dieu, leur foi est en Christ-Dieu. Ils me diront que j’ai tort et certainement je me trompe, mais je vois des hommes (et des femmes) qui souffrent de tous les maux de notre nature humane. Je ne vois pas un Dieu qui souffre: s’il souffrait, il ne serait pas Dieu, et s’il souffrait par amour, ce ne serait pas un amour divin, mais humain, c’est-à-dire tourmenté. Le Christ est mort en tant qu’homme et ressuscité en tant que Dieu, voilà mon seul espoir, mais c’est trop peu pour oublier l’homme qui AUJOURD’HUI, et depuis que l’humanité est apparue sur la terre, vit et souffre. Celui-ci est l’homme que je célèbre dans mes vers: sa manière d’affronter la réalité, sa déception, ses rêves déçus, trahis et perdus.
Je sais bien que je suis une petite brebis perdue et aussi de couleur noir. Mais j’espère que ces lecteurs accepteront les raisons de ma désarroi et n’essaieront pas de me racheter.

Redemption

Often readers who profess a deep Catholic faith write to me that they would like not to read my poems because they have the power to make people think about the painful aspects of life. But they conclude their letters by stating that they cannot help but read my verses.

I believe that each reader who approaches my poems can then reflect on what he has read according to his experiences, his own culture and his religious background or not. And I believe that any experience should be respected and accepted.

If behind my verses the readers feel my pain and the pain of the world, there must also be a reason. Perhaps because they themselves, who prefer not to think about the painful aspects of life, are close to it. But despite their closeness, they will never be able to know and share deeply what is the reason for my painful writing.

Pain was born with me: since my birth I have seen pain and bitterness, misery, fear of tomorrow, sadness for things lost, relationships also of love, born and maintained for convenience or respect religious beliefs and social customs. I was educated by Catholics, whose Catholicism was a way of escaping the distress of reality. My dying mother saw the Virgin Mary stretch out her arms to her. Here was the only sign of intimate and deep joy that I saw for the first time. I saw it on his face, smiling even after death. I was thirty-five.

So I lived half my life between expectations and disappointments, between formal respect and repressed desires for freedom and revolt. I think it has affected my soul deeply since I was a child.

Then the meadows and the flowers, which others can see colored, I also see them knowing that I can only see them, but also with the awareness that “everything is getting out of hand”. It’s all the difference between my feeling and theirs.

My faith is in Christ, not in God, their faith is in Christ-God. They will tell me that I am wrong and certainly I am wrong, but I see men (and women) who suffer from all the evils of our human nature. I do not see a God who suffers: if he suffered, he would not be God, and if he suffered out of love, it would not be divine love, but human love, that is to say tormented. Christ died as a man and rose again as God, this is my only hope, but it is too little to forget the man who TODAY, and since humanity appeared on earth, lives and suffers. This is the man I celebrate in my lines: his way of facing reality, his disappointment, his disappointed, betrayed and lost dreams.
I know very well that I am a little lost sheep and also black in color. But I hope these readers will accept the reasons for my bewilderment and not try to redeem me.

Redención

A menudo, los lectores que profesan una profunda fe católica me escriben que les gustaría no leer mis poemas porque tienen el poder de hacer que la gente piense en los aspectos dolorosos de la vida. Pero concluyen sus cartas diciendo que no pueden evitar leer mis versos.

Creo que cada lector que se acerque a mis poemas podrá reflexionar sobre lo que ha leído de acuerdo con sus experiencias, su propia cultura y su formación religiosa o no. Y creo que cualquier experiencia debe ser respetada y recipida.

Si detrás de mis versos los lectores sienten mi dolor y el dolor del mundo, también debe haber una razón. Quizás porque ellos mismos, que prefieren no pensar en los aspectos dolorosos de la vida, están cerca de ella. Pero a pesar de su cercanía, nunca podrán conocer y compartir profundamente cuál es el motivo de mi dolorosa escritura.

El dolor nació conmigo: desde mi nacimiento he visto dolor y amargura, miseria, miedo al mañana, tristeza por las cosas perdidas, relaciones también de amor, nacidas y mantenidas por conveniencia o respeto por creencias religiosas y costumbres sociales. Fui educado por católicos, cuyo catolicismo era una forma de escapar de la angustia de la realidad. Mi madre moribunda vio a la Virgen María extender sus brazos hacia ella. Aquí estaba el único signo de alegría íntima y profunda que vi por primera vez. Lo vi en su rostro, sonriendo incluso después de la muerte. Tenía treinta y cinco años.

Así que viví la mitad de mi vida entre expectativas y decepciones, entre respeto formal y deseos reprimidos de libertad y rebelión. Creo que ha afectado profundamente mi alma desde que era niño.

Luego los prados y las flores, que otros pueden ver coloreadas, yo también las veo sabiendo que solo puedo verlas, pero también con la conciencia de que “todo se está yendo de las manos”. Es toda la diferencia entre mis sentimientos y los de ellos.

Mi fe está en Cristo, no en Dios, su fe está en Cristo-Dios. Me dirán que estoy equivocado y ciertamente estoy equivocado, pero veo hombres (y mujeres) que sufren todos los males de nuestra naturaleza humana. No veo un Dios que sufre: si sufriera, no sería Dios, y si sufriera por amor, no sería amor divino, sino amor humano, es decir atormentado. Cristo murió como hombre y resucitó como Dios, esta es mi única esperanza, pero es muy poca para olvidar al hombre que HOY, y desde que la humanidad apareció en la tierra, vive y sufre. Este es el hombre que celebro en mis versos: su forma de afrontar la realidad, su desencanto, sus sueños desilusionados, traicionados y perdidos.
Sé muy bien que soy una ovejita perdida y también de color negro. Pero espero que estos lectores acepten las razones de mi desconcierto y no intenten redimirme.

Ogni mattina – Chaque matin – Every morning – Cada mañana

Pompei (Iatly)

Ogni mattina riprende il ciclo vitale, con il suo carico di gesti abituali, a volte noiosi, a volte dolorosi, di un dolore non eccezionale, ma sordo e persistente, come il pensiero della meta in cui tutto si spegnerà.

In parte ci fa provare sollievo, in parte ci terrorizza, in parte ci fa rimpiangere anzitempo la perdita di tutto quel che amiamo, persone e sensazioni di piacere, che ancora ci legano alla nostra realtà.

Il sonno è un acquietarsi di tutto, ma serpeggia nella nostra mente, e al risveglio immediatamente ci presenta scenari passati e futuri. E tutto ci ripiomba addosso come una valanga di acqua bollente e di ghiaccio. A volte mi sento già talmente stanco che non ho voglia di alzarmi, di riprendere i miei soliti pensieri, le mie solite letture, la solita vista delle montagne intorno, dei vicini nelle loro case, delle strade sporche e deserte, le parole abituali per conversare. E invece a fianco qualcuno si muove e quasi ogni suo gesto suona come un rimprovero a questa mia “pigrizia”.

Français

Chaque matin le cycle de vie reprend, avec sa charge de gestes habituels, tantôt ennuyeux, tantôt douloureux, d’une douleur qui n’est pas exceptionnelle, mais sourde et persistante, comme la pensée du but dans lequel tout va sortir.

En partie, cela nous soulage, en partie cela nous terrifie, en partie cela nous fait regretter prématurément la perte de tout ce que nous aimons, des personnes et des sentiments de plaisir, qui nous lient encore à notre réalité.

Le sommeil est un apaisement de tout, mais il traverse notre esprit et, au réveil, il nous présente immédiatement des scénarios passés et futurs. Et tout retombe sur nous comme une avalanche d’eau bouillante et de glace. Parfois je me sens déjà tellement fatiguée que je n’ai pas envie de me lever, de reprendre mes pensées habituelles, ma lecture habituelle, la vue habituelle sur les montagnes alentour, sur les voisins dans leurs maisons, sur les rues sales et désertes, les mots habituels pour la conversation. D’un autre côté, quelqu’un se déplace à côté de moi et presque chaque geste qu’il fait sonne comme une réprimande à ma «paresse».

English

Every morning the life cycle resumes, with its load of habitual gestures, at times boring, at times painful, of a pain that is not exceptional, but dull and persistent, like the thought of the goal in which everything will go out.

In part it makes us feel relief, in part it terrifies us, in part it makes us regret prematurely the loss of everything we love, people and feelings of pleasure, which still bind us to our reality.

The sleep is a quieting down of everything, but it snakes through our mind, and upon awakening it immediately presents us with past and future scenarios. And everything falls back on us like an avalanche of boiling water and ice. Sometimes I already feel so tired that I don’t want to get up, to resume my usual thoughts, my usual reading, the usual view of the mountains around, of the neighbors in their houses, of the dirty and deserted streets, the usual words for conversation . And instead someone moves next to me and almost every gesture he makes sounds like a rebuke to my “laziness”.

Español

Cada mañana se reanuda el ciclo de vida, con su carga de gestos habituales, por momentos aburridos, por momentos dolorosos, de un dolor que no es excepcional, sino sordo y persistente, como el pensamiento de la meta en la que todo saldrá.

En parte nos hace sentir alivio, en parte nos aterroriza, en parte nos hace lamentar prematuramente la pérdida de todo lo que amamos, personas y sentimientos de placer, que aún nos unen a nuestra realidad.

El sueño es un apaciguamiento de todo, pero pasa por nuestra mente y, al despertar, inmediatamente nos presenta escenarios pasados y futuros. Y todo cae sobre nosotros como una avalancha de agua hirviendo y hielo. A veces ya me siento tan cansada que no quiero levantarme, retomar mis pensamientos habituales, mi lectura habitual, la vista habitual de las montañas alrededor, de los vecinos en sus casas, de las calles sucias y desiertas, lo de siempre palabras para conversar. Por otro lado, alguien se mueve a mi lado y casi cada gesto que hace suena como una reprimenda a mi “pereza”.

Cinquecento

Questo annuncio di wordpress è di qualche settimana addietro. Oggi in realtà sono cinquecentodiciotto inserimenti, cinquecentodiciotto volte in cui avete deciso di leggere l’articolo da me pubblicato.

Pubblico, voi lo sapete:
– Poesie mie
– Poesie d’altri (famosi e sconosciuti)
– Poesie da me tradotte e amate
– Video letti con passione da Luigi Maria Corsanico
– Qualche brano di prosa
– Qualche appunto crudele su chi scrive poesie orride
– Qualche pensiero sull’arte dello scrivere.

Era l’anno 2015 quando ho pubblicato su questo blog la prima poesia dal titolo

IL SILENZIO

che ha ricevuto 12 Like da lettori che allora non conoscevo.

(Chi volesse leggerla questo è il link.

https://marcellocomitini.wordpress.com/2015/06/03/ciao-mondo/ )

A questi 12 (come gli apostoli !) devo infinita riconoscenza come il pulcino che esce dal guscio e non dimentica mai ciò che ha visto per la prima volta.

Qualcuno ha chiuso il blog, qualcuno si è allontanato (spesso con rabbia), qualcuno mi ha seguito in silenzio e continua ancora a seguirmi.

Adesso siete 1.097 follower che mi avete onorato di 4.214 commenti, a fronte dei quali ho risposto con 3.026 commenti.

Vi seguo tutti con attenzione, spesso commentando quando l’articolo è particolarmente ben scritto.

So bene che i commenti dati portano like al proprio blog, ma io non riesco mai a commentare con frasi generiche né riesco a commentare se ciò che leggo mi appare come sfogo personale.

Amo chi scrive bene, con intelligenza, con passione, rispettando la sete di conoscenza dell’altro, scrivendo di argomenti comuni al genere umano e da questo condivisibili.

E proprio per non arrogarmi il diritto di giudicare, commento solo ciò che rientra nei miei canoni estetici e contenutistici.

Ciò non vuol dire che io non apprezzi i commenti generici che ricevo, ma confesso che apprezzo particolarmente chi commenta i miei articoli con espressioni suggerite da canoni molto vicini ai miei.

Eclissi

Eclissi

Foto NASA

Improvvisamente perfida la notte sparge
la sua luce fredda intorno al sole e rovescia il giorno
come acqua in fondo all’oscurità di un pozzo.
Cos’è accaduto al cuore che ha perduto la sua voce?
E i tamburi scuotono nel buio lunghe aste vuote di bandiere?
Le nuvole impaurite hanno sgombrato il cielo
verso uno spazio senza limiti in un azzurro inesistente.
Perché c’è questa crudeltà di non vedere nulla
non sentire più il calore di chi ci sta accanto.
Brillano solo gli occhi e tutto ciò che vedi non è che solitudine.

Un tempo interminabile.

La notte ci ha lasciato il suo pugnale freddo dentro il cuore.

– – – – – – – – – – – – –

Poesia dedicata a MaryAnn Ward di San Jose (USA)

 

Lotto marzo

sciopero_donne

LOTTO MARZO

Se la mia vita non vale, io non produco.. Questo lo slogan  con cui domani in Italia e nel mondo le donne sciopererano, e invitano tutti a farlo con loro. Manifesteranno nei modi più diversi, donne e uomini di 40 Paesi, dal Togo, alla Svezia, alla Turchia, all’Argentina, da dove il movimento NonUnaDiMeno è partito nell’ottobre scorso, dopo che Lucia Pèrez, 16 anni, è stata violentata, torturata e uccisa a Mar de Plata.

Dopo che in settembre le donne polacche hanno deciso di astenersi da ogni attività, per protestare contro la minaccia di abolire del tutto una libertà di abortire già molto ristretta dalla legge.

Dopo la manifestazione italiana del 26 novembre 2016, contro la violenza maschile.

Dopo la Women’s March on Washington del 21 gennaio 2017, un milione di persone in piazza in tutti gli Usa, due milioni nel mondo contro Trump, il sessimo, il maschilismo, il neocapitalismo del patriarcato che si fa forte per dominare la vita.

Scioperiamo, domani. Tutte e tutti. Dal lavoro. Da tutte le forme di lavoro.

Quando le donne si fermano, tutto ferma tutto.

Non si cura, non si riproduce. E non si produce.

Perché nessuno più delle donne può dire cosa è il lavoro oggi. Spezzato, frammentato, svalorizzato, in mille operazioni che dequalificano, immiseriscono anche il più competente dei lavori. Esattamente come quello necessario per la cura, l’accudimento dalla vita.

Nei luoghi di lavoro, nelle fabbriche, nei supermercati, negli asili, nelle case, nelle scuole, nelle cucine, nelle strade. Scioperiamo. Uniamo precarietà, sfruttamento, mostriamo che nel mondo dove il lavoro sparisce e si dovrebbe solo consumare, tutto si ferma. Se le donne non lavorano. Se nessuno lavora. Quei mille lavori disprezzati e malpagati.

Scioperiamo dai ruoli, dai generi, dalle imposizioni di una regola che distrugge la vita.

Lo sciopero è guidato dalle donne, invita tutti. Uniamoci nello sciopero globale.

Se le donne si fermano, il mondo si ferma. Nessuno produce.

Accogliamo l’invito. NonUnaDiMeno. Nessuna deve mancare, nessuna deve essere colpita da violenza. Nessuna, nessuno deve subire.

Per la giornata dell’8 marzo, NonUNaDiMeno chiede di vestirsi di nero, e di mettersi qualcosa color fucsia. Le donne. Chi vuole.

 

L’orologio

orologio_argento_depreritcolt

Mentre gira (elaborazione grafica m.c.)

Oggi sono ancora purtroppo nella fase del “non ho nulla da dire”. Però posso confessare che la fine dell’inverno non mi tirerà su il morale perché per fortuna il tempo ha su di me un’influenza minima.  Se mai si potesse stabilire una percentuale per valutare il peso del tempo atmosferico sui miei stati d’animo, sarebbe del 10%. Il restante 90% è invece terreno incontrastato di quel tempo che passa scandendo i colpi sonori e cupi dei secondi, quei piccoli scatti ansiosi e astiosi che trascinano al giro le altre lancette. A volte mi vedo proprio in punta alla lancetta dei secondi, immobile come un marinaio che scruta in piedi il mare da una banchina deserta, eppure soggetto a uno straziante viaggio di trasformazione. Sempre lì, in punta a quella esile lancetta, mi distendo piatto ogni qualvolta quella più robusta dei minuti mi scavalca e chino il capo rassegnato quando vedo giungere a sovrastarmi quella opulenta e pensierosa delle ore con il suo incedere subdolo, come di colei che non passa mai e invece corre fino a esaurirsi all’improvviso quando la spinta che le dona vita viene a cessare.  È questo il sottile piacere di vivere. Le piccole aste dell’orologio iniziano a scorrere sin dal primo istante di vita, prima le piccole, poi quelle dei minuti e infine quelle delle ore per scandire attimi, minuti, ore, giorni, settimane, mesi, anni. Perciò ogni giorno mi affretto a dare carica al pendolo che all’ingresso attende chi entra in casa mia. Per dire a tutti: benvenuti, siamo qui, siamo ancora vivi.

La vita felice

Siskind,Pleasures & terrors of levitation

Aaron Siskind, Pleasures & Terrors of Levitation

L’intera vita può essere definita felice quando tutti i pezzi del corpo e della mente stanno bene? Con l’avanzare degli anni saranno necessari, sempre più frequentemente, interventi di manutenzione, via via più specializzata.

A che fine? A che giova tutto questo?

Basterebbe eliminare il dolore e si andrebbe verso la morte con la stessa serenità (sarà poi così?) degli animali.

Invidia verso gli animali o semplice paragone umiliante?

“Nati non foste a viver come bruti”. Ma di fatto come viviamo?

Mangiare bene, dormire bene, fare figli, crescere la prole, accumulare conoscenze, preparare un futuro migliore per gli altri.

È questo il non vivere da bruti?

Alla fin fine, in mezzo a tanti popoli che ancora soffrono, a tante donne calpestate, torturate e umiliate, a bambini sfruttati o usati come armi di ricatto o in spettacoli di vergognosa pietà, in mezzo a tanti poveri delle nostre città che ci guardano in vergognato silenzio, tutto si risolve in un mangiare meglio, un dormire meglio, un essere più belli e più in forma, senza tuttavia riuscire ad amare più di coloro che ci hanno preceduto, senza tuttavia riuscire a sconfiggere il dolore e la paura della morte.

È questo il “non viver come bruti”?