La vita felice

Siskind,Pleasures & terrors of levitation

Aaron Siskind, Pleasures & Terrors of Levitation

L’intera vita può essere definita felice quando tutti i pezzi del corpo e della mente stanno bene? Con l’avanzare degli anni saranno necessari, sempre più frequentemente, interventi di manutenzione, via via più specializzata.

A che fine? A che giova tutto questo?

Basterebbe eliminare il dolore e si andrebbe verso la morte con la stessa serenità (sarà poi così?) degli animali.

Invidia verso gli animali o semplice paragone umiliante?

“Nati non foste a viver come bruti”. Ma di fatto come viviamo?

Mangiare bene, dormire bene, fare figli, crescere la prole, accumulare conoscenze, preparare un futuro migliore per gli altri.

È questo il non vivere da bruti?

Alla fin fine, in mezzo a tanti popoli che ancora soffrono, a tante donne calpestate, torturate e umiliate, a bambini sfruttati o usati come armi di ricatto o in spettacoli di vergognosa pietà, in mezzo a tanti poveri delle nostre città che ci guardano in vergognato silenzio, tutto si risolve in un mangiare meglio, un dormire meglio, un essere più belli e più in forma, senza tuttavia riuscire ad amare più di coloro che ci hanno preceduto, senza tuttavia riuscire a sconfiggere il dolore e la paura della morte.

È questo il “non viver come bruti”?

Annunci

Di nome Angelo

Katia Chausheva Crossing the water

Katia Chausheva, Crossing the water

È l’alba di un’estate appena iniziata

un giorno nell’azzurro di un infinito cielo.

Dalle lunghe file di albizie della strada alberata

cadono vischiosi piumini sul grigio

ambiguo dell’asfalto.

Nel tuo abito nero come i capelli della notte

sporcata di grida e di segni

di giallo di rosso di guerra e d’amore

il volto sfatto di vino e di droga

farnetichi e sbavi addossata ad un muro

ricordi vischiosi.

Muovi le mani sul petto e sui fianchi,

invochi accecata il suo nome

e sfibri in un canto insensato

il tuo candore di donna sospesa

alla speranza.

In gola il pianto ti aggriccia le labbra

e mescola l’impasto fiammante del rossetto

alle lacrime che scendono come pennelli

a diluire in rosa la loro purezza.

«Angelo, – gridi con quel tanto

di tenerezza che torce il mio cuore –

nelle vene inietti il veleno dei sogni

e nella carne i segni del tuo possesso eterno.

Qui nell’abbaglio del giorno che nasce

dopo la notte che mi ha annientato l’anima

te maledetto dalla mia debolezza,

piango trafitta dalla luce del sole.»

 

E mentre ti guardo svanire tra auto

che silenziose e lente ti passano a fianco

sussurrando incantate dalla tua bellezza

raccolgo da terra un piumino vischioso

lacero smunto di un semplice rosa.