Fotografia di mio padre

il bevitorerit

Albert Anker, Il bevitore, 1907

Italiano  Français  English

Sono rimasto al tavolo tutta la mattina,
le mani si muovevano avanti e indietro sul bianco
infinito della pagina mentre cercavo di rievocare
quello strano uomo che dicevano mio padre.
Chiuso nella mia stanza illuminata appena
dal grigio del cielo lo ricordo ancora bene
come fosse nato vecchio e poi ogni anno più giovane
con la caparbia crudeltà sul volto e lo stupore
di chi ha davanti la vita. Una vita di sogni e di progetti,
di buon vino da vendemmiare ancora
nelle sue campagne piene d’aria, d’animali al pascolo
e del verde profumo dei limoni.
Un vino da bere e declamare assieme
a quelle donne e armi arrugginite
del Tasso e dell’Ariosto
e tra gli amori di Dante a voce altissima.
O nel silenzio delle sere davanti a un cielo stellato,
gustare il rosso in quel bicchiere rubato in gioventù a un’osteria
con un mazzo di carte in mano
per giocare una partita con me, il suo ragazzo.

Al suo fervore testardo di vincere l’avversario
mi perdevo in sogni di disperazione. E adesso lo ricordo
morto come un bambino che sorride nel sonno
da solo ai suoi giocattoli
dimenticato nella culla dai vecchi genitori
che gli hanno lasciato distratti una lucina accesa
per la notte e hanno chiuso la porta alle loro spalle.

Français

Photographie de mon père

Je suis resté à la table tout le matin,
les mains se déplaçaient d’avant en arrière sur le blanc
infini de la page pendant que j’essayais de me rappeler
l’homme étrange dont on disait qu’il était mon père.
Fermé dans ma chambre à peine éclairée
par le gris du ciel je m’en souviens encore
comme mon père est né âgé et puis chaque année plus jeune
avec la cruauté obstinée sur le visage et l’étonnement
de celui qui a la vie avant lui. Une vie de rêves et de projets,
de bon vin à récolter dans sa campagne
plein d’air, des animaux au pâturage et de l’odeur
verte des citrons.
Un vin à boire et déclamer ensemble à ces femmes
et les armes rouillées de Tasso et Ariosto
et parmi les amours de Dante à très haute voix.
Ou dans le silence des soirées devant un ciel étoilé,
goûter le rouge dans ce verre volé en jeunesse dans une auberge
avec un jeu de cartes en main pour jouer
avec moi, son petit garçon.
À sa ferveur obstinée de vaincre l’adversaire
Je me perdais dans mes rêves de désespoir. Et maintenant je m’en souviens
mort comme un petit enfant qui meurt dans son sommeil
en souriant seul à ses jouets
oublié dans le berceau par les vieux parents
distraits qui l’ont laissé avec une lumière allumée
pour la nuit et ils ont fermé la porte derrière eux.

English

Photograph of my father

I stayed at the table all morning,
hands moved back and forth on the page
infinitely white while I was trying to remember
the strange man who was said to be my father.
Closed in my barely lit room
by the gray of the sky I still remember
like my father was born old and then every year younger
with stubborn cruelty on the face and astonishment
of him who has life before him. A life of dreams and projects,
good wine to harvest in his campaign
full of air, grazing animals and smell
green lemons.
A wine to drink and declaim together
to these women and rusty weapons
of Tasso and Ariosto
and of Dante’s loves very loudly.
Or in the silence of evenings in front of a starry sky,
taste it in this stolen glass in youth to an inn
with a deck of cards in hand for to play
with me, his little boy.
To his stubborn fervour to win the opponent
I lost myself in my dreams of despair. And now I remember
dead as a little child who smiles in his sleep
alone to his toys
forgotten in the cradle by old parents
distracted who left him with a little light on
for the night and they closed the door behind them.

Annunci

Il fuoco dei miei anni

Di te mi porto il vanto

Nella versione in francese e inglese. In the French and English version. Dans la version française et anglaise.

 

Française

Le feu de mes années

Je me vante de vous
qui avez été à coté de moi
– avec votre âme –
qui m’avez aimé celle nuit.

Je me vante de vous
qui m’avez donné dans votre corps
– rougissait la lune à l’horizon –
le feu de mes années.

Vantez-vous de moi
vous avez fait tombé mon corps
– les étoiles étaient plus lumineuses –
au fond du paradis de votre corps.

English

The fire of my years

I’m proud of you
you were next to me
– with your soul –
you loved me in one night.

I’m proud of you
I found in your body
– blushed the moon on the horizon –
the fire of my years.

You are proud of me
you made my body fall that night
– The stars were brighter –
deep in the paradise of your body.

Ode al cane con l’uomo

Briton Riviere, Sympathy,1877

Briton Rivière, Sympaty, 1877

Mio padre mi diceva
“mi somigli a un cane
con quello sguardo adolescente
arso di rabbia e di paura
quando torci gli occhi
per non guardarmi in faccia.
Un cane – continuava
quando mi vedeva sordo
ai suoi giudizi –
che sconosce il suo padrone.”
Così ho amato i cani.
I cani dallo sguardo triste, i cani
dalle orecchie tese in segno d’attenzione
i cani abbandonati
quello che alle carezze sporge il muso
chiude gli occhi e piega le sue orecchie
facendoti felice
quello che intimidito
a capo chino la coda tra le gambe
chiede una carezza
quello che chiede cibo
saltellando intorno
e quello che lo strappa
col morso inferocito dalla fame.

Ma un piccolo bastardo di colore fulvo
è il prediletto.
Come tutti i cani che non hanno storia
felice d’avere per compagno un uomo
s’immagina un leone
fiero di non essere cresciuto.
E la mattina andiamo
uomo e cane uniti
nell’unico animale con sei zampe
con la testa in aria e il muso sull’asfalto
a passi lenti e lunghi
svelti e corti
a fiutare il mondo.

Un cane col suo uomo avrebbe voglia
di scappare e correndo ritornare
per saltargli incontro
fuggire in mezzo ai prati
sentire la rugiada in punta al naso
inseguire le farfalle
tendere le orecchie
ai latrati lontani.

Ma camminiamo per le strade
uomo e cane silenziosi
nella luce dell’alba che disegna sui palazzi
rosse schegge di sole appena sorto
oltre le sbarre di vuoti condomini
e nei giardini accende
fiori sparsi
nell’umido sentore della terra.
E intanto lui attento insegue i suoi pensieri
sulle tracce smarrite di prede inesistenti
ed io dimenticandomi il futuro
coniugo il passato col presente
strozzato nelle gole delle strade.
E la città ci stringe il suo guinzaglio al collo
e ci sorveglia
con il suo sguardo armato
di triste disappunto.

Français

Ode au chien avec l’homme

Mon père m’ a dit
“Tu ressembles à un chien
avec ce regard d’adolescent
brûlé de rage et de peur
quand tu tord tes yeux
pour ne pas me regarder en face.
Un chien – il a continué
quand il m’a vu sourd
à ses jugements –
qui ne connait pas son maître. ”
Donc j’ai aimé les chiens.
Chiens avec un regard triste, les chiens
aux oreilles tendues en signe d’attention
les chiens abandonnés
le chien qui avance son museau aux caresses
qui ferme les yeux et plie les oreilles
et vous rend heureux
qui est intimidé
avec la tête inclinée entre les jambes
en demandant une caresse
qui demande de la nourriture
en sautant autour
et qui arrache la nourriture
avec la morsure enragé par la faim.

Mais un petit bâtard fauve
est mon favori.
Comme tous les chiens qui n’ont pas d’histoire
Il est heureux d’avoir un homme en tant que compagnon
Il s’immagine d’etre un lion
fier de ne pas avoir grandi.
Et le matin, allons-y
homme et chien unis
dans le seul animal à six pattes
avec sa tête en l’air et son visage sur l’asphalte
en étapes lentes et longues
rapide et court
en reniflant le monde.

Un chien avec son homme voudrait
s’enfuir et en courant revenir
pour lui sauter dessus
s’échapper au milieu des prés
sentir la rosée au bout du nez
chasser les papillons
dresser ses oreilles
à les aboiements lointains.

Mais nous marchons dans les rues
homme et chien silencieux
à la lumière de l’aube qui dessine sur les bâtiments
les éclats rouges du soleil qui vient de se lever
au-delà des clôtures des jardin vides
et surs les pelouses il s’illumine
de fleurs éparpillées
dans le parfume humide de la terre.
Et entre tant il est attentif en poursuivant ses pensées
sur les traces perdues de proies inexistantes
j’oublie le futur
je conjugue le passé avec le présent
étranglé dans les gorges des rues.
Et la ville tient sa laisse autour de nos cous
et nous regarde
avec ses yeux armés
de triste déception.

English

Ode to the dog with the man

My father told me
“You look like a dog
with this teenage look
burned with rage and fear
when you twist your eyes
for not looking at me in the face.
A dog – he continued
when he saw me deaf
to his judgments –
who does not know his master. ”
So I liked dogs.
Dogs with a sad look, dogs
ears stretched as a sign of attention
abandoned dogs
the dog that protrudes the snout at the caresses
who closes his eyes and bends his ears
and makes you happy
who is intimidated
with the head tilted between the legs
who asks for a caress
who asks for food
by jumping around
and who is tearing the food
with the bite enraged by hunger.

But a little tawny bastard
is my favourite.
Like all dogs that have no history
happy to have a man as a companion
he imagine himself to be a lion
proud not to have grown up.
And in the morning, let’s go
man and dog united
in the only animal with six legs
with his head in the air and his face on the asphalt
in slow and long steps
fast and short
sniffing the world.

A dog with his man would like
run away and run back
to jump on him
escape in the middle of meadows
smell the dew at the end of the nose
to chase butterflies
to raise one’s ears
to distant barking.

But we are walking on the streets
man and dog silent
in the light of the dawn that draws on the buildings
the red bursts of the sun that has just risen
beyond the bars of empty gardens
and on the lawns it lights up
of scattered flowers
in the moist perfume of the earth.
And while he attentively pursues his thoughts
on the lost tracks of non-existent prey
I forget future
I conjugate past with present
strangled in the gorges of the streets.
And the city holds its leash around our necks
and she looks at us
with his armed gaze
of sad disappointment.

 

La memoria smarrita

Colorful beach huts

Spiaggia di Brighton (dal Web)

 

A mezzanotte si è scatenata una tempesta
di tuoni di lampi di pioggia
come se il cuore del cielo si volesse squarciare.
Adesso è l’alba e il cielo è grigio
d’una ferita che sembra un ricordo.
Ho voglia di restare a dormire
per non vedere un altro giorno che zoppica
lungo quella strada che lo conduce
alla bocca vorace della notte.
Rimanere sul letto ad occhi chiusi
creare un ponte tra la notte appena trascorsa
e quella che verrà e sentire il fiume
monotono e informe delle ore che stagnano
sotto le palpebre.
Invece sono in piedi a dirmi che nel mondo adesso,
tutti stanno in piedi a muoversi a produrre,
a vivere come fossero i padroni di quelle ore.
E anche io che non sono malato,
non ho il diritto di stare a poltrire.
Pensieri come il cielo grigio di questa mattina
in attesa dell’estate che spazzerà via le nubi
e dappertutto spalmerà l’azzurro,
un azzurro che si confonderà col mare
si accorderà con il biondo della spiaggia
renderà brillanti tutti i colori
e sarà un invito alla felicità al desiderio
di restare immobili, stesi sui lettini
come cadaveri sognanti.
E sognando ci alzeremo,
ci tufferemo tra le onde, tra le braccia degli amici
tra le braccia dell’amata.
Con gridi e risate spingeremo in là la notte.
La notte in attesa dei nostri corpi stanchi,
della nostra memoria smarrita.

Français

La mémoire égarée

Après minuit, une tempête a éclaté
de pluie de tonnerres d’éclairs
comme si le cœur du ciel voulait se déchirer.
Maintenant c’est l’aube et le ciel est gris
d’une blessure qui ressemble à un souvenir.
Je veux continuer à dormir
pour ne pas voir un autre jour qui boite
le long de cette route qui le mène
à la bouche vorace de la nuit.
Rester sur le lit les yeux fermés
créer un pont entre la nuit qui vient de passer
et celle qui arrivera pour entendre la rivière
monotone et sans forme des heures qui stagnent
sous les paupières.
Mais je me lève et me dis que dans le monde maintenant,
tout le monde se lève et se met à l’œuvre pour produire,
pour vivre comme s’ils étaient les maîtres de ces heures.
Et moi aussi je ne suis pas malade,
je n’ai pas le droit de paresser.
Des pensées comme le ciel gris de ce matin
en attendant l’été qui effacera les nuages
et partout étalera le bleu,
un bleu qui se mélangera avec la mer
s’harmonisera avec le blond de la plage
rendra toutes les couleurs brillantes.
Ce sera une invitation au bonheur au désir
de rester immobile, allongés sur les lits
comme des cadavres rêveurs.
Et en rêvant nous nous lèverons,
nous plongerons dans les vagues, dans les bras des amis
dans les bras de l’aimée.
Avec des cris et des rires nous pousserons la nuit.
La nuit qui attend nos corps fatigués,
notre mémoire égarée.

English

The memory lost

After midnight, a storm broke
of rain of lightning of thunders
as if the heart of heaven wanted to tear.
Now it’s dawn and the sky is gray
an injury that looks like a memory.
I want to continue sleeping
to not see another day that limp
along this road that leads him
to the voracious mouth of the night.
I stay on the bed with your eyes closed
to create a bridge between the night that just passed
and the one that will arrive to hear the river
monotonous and formless of hours that stagnate
under the eyelids.
But I get up and tell myself that in the world now,
everyone gets up and goes to work to produce,
to live as if they were the masters of those hours.
And I too am not sick,
I do not have the right to idleness.
Thoughts like this morning’s gray sky
waiting for the summer that will erase the clouds
and everywhere will spread the blue,
a blue that will mix with the sea
will harmonize with the blond of the beach
will make all colors brilliant.
It will be an invitation to happiness to desire
of stay still, lying on the loungers
like dreamy corpses.
And dreaming we will rise,
we will dive in the waves, in the arms of friends
in the arms of the beloved.
With shouts and laughter we will push the night.
The night waiting for our tired bodies,
our memory lost.

Il sogno che rende felici

vincent_van_gogh_campo_di_grano_rifatto

da “Campo di grano con corvi” di Van Gogh (m.c.)

Mi sono guardato intorno. Era un giorno
colmo d’azzurro e le montagne porgevano le gole
all’alito fresco del vento.
Dietro i vetri ho atteso che fosse svanita
la profonda tristezza che incupiva i miei occhi
e sono uscito a cercare il sogno
che dona la felicità.
Giunto sui campi ho guardato
la campagna e il cielo. Tutto era bello.
Tutto era immerso in una luce pura e fredda.
Attraversavo con passo solenne le spighe
alte e mature. Ho perso il senso
dello spazio e del tempo.

Adesso ero un cieco.

Ho sentito nella nebbia del sogno un sibilo sconosciuto,
un serpente che striscia ai piedi di un tronco sbiancato
e avvinghia un nido tremante di piccoli,
o un treno che ha smarrito il suo solco e si perde
fremendo tra il grano alto della campagna.
Un nero e un giallo nelle immagini cresciute nel sogno.
Un nero sempre più nero
anche se si allontana all’orizzonte
e un giallo di spighe
che tinge il grigio di nuvole sulle montagne.
I colori mi accecano come pugnali nelle pupille.
O sono quei giorni che strisciano con l’andatura obliqua
verso la preda dei sentimenti?
O il solco lasciato dal treno nel cuore del grano
come la ruga incisa sulla fronte dal tempo?
Mi guardo intorno e capisco che dietro
le immagini si nasconde il pensiero
di quel che è giusto o sbagliato, il dovere, i ricordi,
la tenerezza delle speranze, il timore di morte. Tutte le cose
che speravo sparissero con la mia cecità.

Finché il serpente non è strisciato ai miei piedi.

Guardo le stelle

Guardo le stelle a una a una

Il mio #Moleskine

 

#Français

 

Je regarde les étoiles une par une
comme si elles étaient vos lèvres de statue
posant doucement sur ma bouche
la rose solitaire de ta bouche.
Ils sont les étoiles de mon ciel. Je les regarde
comme une rivière qui se répandre lentement
dans le lac infini de tes yeux.

#English

I look at the stars one by one
as if they were your lips of statue
posing gently on my mouth
the solitary rose of your mouth.
They are the stars of my sky. I look
like a river that slowly gets lost
in the infinite lake of your eyes.

 

Io sto col Presidente Mattarella.

La penso così anch’io. E chi finge che non sia così e crede alle lobi estere, apra gli occhi e dica davvero quel che pensa, ammesso che abbia la preparazione politica ed economica per riconoscere come stanno davvero le cose.

La Collina dei Bardi

Grazie signor Presidente!

Negli ultimi mesi volutamente, e con grande sforzo, ho evitato di aprire il blog sapendo che se l’avessi fatto avrei inevitabilmente toccato l’argomento politica e, visto l’andazzo, avrei rischiato di andare sopra le righe.

Ora però alcune persone nel nostro Paese sono decisamente andate troppo oltre.

Come italiana non posso e non voglio voltarmi dall’altra parte e fingere di nulla, i fatti di questa notte sono intollerabili: nessuno può attentare così sfacciatamente alla Costituzione (pagata con fin troppo sangue) ne, tantomeno, al Presidente della Repubblica- che ne è l’ultimo e strenuo garante- minacciando, per giunta, una sorta di nuova marcia su Roma in risposta ad un atto legittimo e dovuto nonchè oserei anche dire inevitabile.

Ai “signori” Salvini, Di Maio e compagnucci vari suggerisco un’attenta rilettura (o forse dovrei dire lettura visto che sembrano non conoscerla?) del Magna Carta  … a proposito, ma non l’avevano difesa prima…

View original post 95 altre parole

Nel fiume le nostre mani

SGURO-GABBIANO-1979

G. Sguro, Il gabbiano, 1979

Ascolta bene
le parole svaniscono assieme ai nostri volti
quando nascondiamo le pupille dietro il fuoco delle palpebre
apriamo le mani e lasciamo fuggire dalle dita
sanguinanti il lento scorrere del tempo. Un fiume
invade il cielo tra gli argini di nuvole desiderando
spargere nel silenzio le nostre parole e ritrovare il loro destino
tra le braccia del mare in attesa.

Ascolta bene le nostre mani
immerse nell’ azzurro più profondo e freddo delle acque
abbandonate come oggetti dimenticati si cercano 
Per guidarci, ma verso cosa? Un gabbiano vola
lentamente sulle acque in silenzio. Lo vediamo fuggire lontano.
Nel becco è l’argento di squame che si dibattono
sempre più rassegnate al destino.

 

 

 

Il bacio

Rodin bacio

Rodin, Bacio

 

No, non è la forza rumorosa del vento che ci spinge
verso l’infinito desiderato.
Il silenzio degli sguardi
i dorsi delle mani sulle pagine del libro.
Esistiamo solo noi due.
Le nostre dita s’incrociano,
ci legano l’uno all’altra
si toccano le labbra con un soffio misterioso.
Lontano le ali dei sogni bruciavano fra le nuvole.
Il fuoco si spandeva come fosse il nostro destino.
Non esistevano porte e lungo i corridoi
soltanto fiamme. Non sapevamo nulla. Non parlavamo.
Soli eravamo e senza alcun sospetto
nel buio cercavamo le nostre bocche.
Le parole furono i nostri sguardi e il nostro bacio
fu quello della morte.

 

  • Il titolo originario della scultura di Rodin fu “Paolo e Francesca”
  • I versi si riferiscono al Canto V dell’ Inferno della Divina Commedia (incontro di Dante con Francesca da Rimini e Paolo Malatesta) e il verso non in corsivo inserito nella mia poesia è il 129esimo del Canto.