La ballerina (Ita – Fr – Eng – Esp)

Nina Captsova (immagine mia)

Nelle luci che si spengono
i fregi d’oro alle pareti
i cristalli, le tante braccia del lampadario
si trasformano in piombo e gesso.
Si acquieta il brusio delle voci.
Gli affreschi leggiadri del soffitto
si disfano in nuvole informi.
Visi occultati – c’è anche il mio, buio
più del buio come una nuvola
dentro il mio animo –
attendono
nell’oscurità del teatro
che dal fondo della sala emergano
la musica
l’armonia della danza
il sentimento di dolce abbandono.
E tu appari con passi lievi
mia danzatrice taciturna
sorridendo spavalda
agli sguardi di volti sconosciuti
che t’invitano a dimenticare
le nostre notti insonni e la mia voce
che invoca “ti amo”.
Dall’alto d’un invisibile firmamento
stelle lucenti svelano il tuo corpo
fanno morbido il tuo costume
bianco, inaccessibile
come il calice che cinge il fiore
o quando stretta al mio petto
dici “sei tu la mia vita”.
La musica inizia lieve, palpita
ti carezza, ti viene incontro.
Tra le sue braccia
il tuo corpo sboccia in mille petali
come nell’intimità delle nostre notti.
Nello splendore delle tue gambe.
brilla la fiamma della loro linfa.
Sulla tua pelle si appuntano gli sguardi di velluto
la carezzano, la sognano. Torna alla mia gelosia
il fiore della tua nudità.
Volteggi lenta
sinuosa sulla punta dei piedi.
Nei vortici improvvisi
sei rondine librata nel cielo
le ali leggere sorrette dai venti
alte sui pianori della musica.
Vivono
nei movimenti delle tue braccia
le forme dell’albero, i fremiti delle foglie.
A piene mani cogli dai suoi rami
i frutti ebri di carezze e d’estasi,
li stringi ai seni, li porgi
con un sorriso, forse al mio cuore
forse come dono d’addio.
La musica si spegne.
Al fragore degli applausi t’inchini
come un fiore di gelsomino
luminoso di rugiada.
Il suo profumo è
la nudità del tuo corpo.
Vorrei stringerti al petto
sentire la rugiada scorrere tra te e me.
Ma già tra le braccia del tuo trionfo
ti chini ancora
disegni
con l’arco oscuro dei sopraccigli
gli effimeri firmamenti dell’amore.


La danseuse

Dans les lumières qui s’éteignent
les frises d’or sur les murs
les cristaux, les nombreux bras du lustre
ils se transforment en plomb et en plâtre.
Les bourdonnements des voix s’apaisent.
Les gracieuses fresques au plafond
se démêlent en nuages informes.
Visages cachés – il y a le mien aussi, sombre
plus que l’obscurité comme un nuage
dans mon âme –
ils attendent
dans l’obscurité du théâtre
qui émergent du fond de la salle
la musique
l’harmonie de la danse
le sentiment d’un doux abandon.
Et tu apparais avec tes pas légers
ma danseuse taciturne
souriant effrontée
aux regards de visages inconnus
qui t’invitent à oublier
nos nuits blanches et ma voix
qui invoque “je t’aime”.
Du haut d’un firmament invisible
des étoiles brillantes révèlent ton corps
adoucissez ton costume
blanc, inaccessible
comme le calice qui entoure la fleur
ou quand tu, serrée contre ma poitrine
dis “tu es ma vie”.
La musique commence doucement, palpite
Te caresse, vient à ta rencontre.
Dans ses bras
ton corps s’épanouit en mille pétales
comme dans l’intimité de nos nuits.
Dans la splendeur de tes jambes.
la flamme de leur sève brille.
Sur ta peau les regards de velours se fixent
ils la caressent, ils en rêvent. Il revient à ma jalousie
la fleur de ta nudité.
Tu voltiges lente
sinueuse sur les pointes des pieds.
Dans les tourbillons soudains
tu es l’hirondelle dans le ciel
les ailes légères soutenues par les vents
hautes sur les plaines de la musique.
Ils vivent
dans les mouvements de tes bras
les formes de l’arbre, le frémissement des feuilles.
Tu cueilles de ses branches à pleines mains
les fruits ivres de caresses et d’extase,
tu les tiens contre tes seins, tu les offres
avec un sourire, peut-être à mon cœur
peut-être comme cadeau d’adieu.
La musique s’arrête.
Au rugissement des ovations, tu te penches
comme une fleur de jasmin
brillant de rosée.
Son parfum est
la nudité de ton corps.
Je voudrais te tenir contre la poitrine
sentir la rosée couler entre toi et moi.
Mais déjà dans les bras de ton triomphe
tu te penches à nouveau
tu dessines
avec l’arc sombre des sourcils
les firmaments éphémères de l’amour.


The dancer

In the lights that go out
the gold friezes on the walls
the crystals, the many arms of the chandelier
they transform in lead and plaster.
The buzz of voices subsides.
The graceful frescoes on the ceiling
they unravel in shapeless clouds.
Hidden faces – mine is also dark
more than darkness like a cloud
inside my soul –
they await
in the darkness of the theater
that emerge from the back of the room
the music
the harmony of dance
the feeling of sweet abandonment.
And you appear with light steps
my taciturn dancer
smiling boldly
to the looks of unknown faces
that invite you to forget
our sleepless nights and my voice
that invokes “I love you”.
From the top of an invisible firmament
shining stars reveal your body
they make your costume soft
white, inaccessible
like the chalice that surrounds the flower
or when tight to my chest
you say “you are my life”.
The music begins softly, throbs
caresses you, comes to meet you.
In his arms
your body blossoms into a thousand petals
as in the intimacy of our nights.
In the splendor of your legs.
the flame of their sap shines.
Their eyes look at your skin
they caress her, they dream of her. Back to my jealousy
the flower of your nakedness.
you low turns
sinuous on the tips of the toes.
In the sudden eddies
you are a swallow in the sky
the light wings supported by the winds
high on the plains of music.
They live
in the movements of your arms
the shapes of the tree, the quivering of the leaves.
You pluck with both hands from its branches
the fruits drunk with caresses and ecstasy,
you hold them to your breasts, you hold them out
with a smile, maybe to my heart
perhaps as a parting gift.
The music goes out.
At the roar of applause you bow
like a jasmine flower
bright with dew.
Its scent is
the nakedness of your body.
I would like to hold you to the chest
to feel the dew flowing between you and me.
But already in the arms of your triumph
you bend down again
drawings
with the dark arch of the eyebrows
the ephemeral firmaments of love.


La bailarina

En las luces que se apagan
los frisos de oro en las paredes
los cristales, los muchos brazos del candelabro
se convierten en plomo y yeso.
El murmullo de voces se apaga.
Los elegantes frescos del techo
se deshacen en nubes informes.
Caras ocultas – también está la mía , oscura
más que oscuridad como una nube
dentro de mi alma –
esperan
en la oscuridad del teatro
que emergen del fondo de la sala
la música
la armonía de la danza
la sensación de dulce abandono.
Y apareces con pasos ligeros
mi bailarina taciturna
sonriendo audazmente
a las miradas de rostros desconocidos
que te invitan a olvidar
nuestras noches de insomnio y mi voz
que invoca “te amo”.
Desde lo alto de un firmamento invisible
estrellas brillantes revelan tu cuerpo
hacen ligera tu disfraz
blanco, inaccesible
como el cáliz que rodea la flor
o cuando apreta contra mi pecho
dices “tu eres mi vida”.
La música comienza suavemente, palpita
te acaricia, viene a conocerte.
En sus brazos
tu cuerpo florece en mil pétalos
como en la intimidad de nuestras noches.
En el esplendor de tus piernas.
brilla la llama de su savia.
ojos sedosas admiran tu piel
lo acarician, lo sueñan. De vuelta a mis celos
la flor de tu desnudez.
Giras lentamente
sinuosa en los dedos de los pies.
En los repentinos remolinos
eres una golondrina en el cielo
las alas ligeras sostenidas por los vientos
en lo alto de las llanuras de la música.
Viven
en los movimientos de tus brazos
las formas del árbol, el temblor de las hojas.
Arrancas con ambas manos de sus ramas
los frutos bebidos de caricias y éxtasis,
los sostienes contra tus pechos, los ofreces
con una sonrisa, tal vez a mi corazón
quizás como regalo de despedida.
La música se apaga.
Ante el rugido de los aplausos te inclinas
como una flor de jazmín
brillante con rocío.
Su olor es
la desnudez de tu cuerpo.
Quisiera abrazarte contra el pecho
sentir el rocío fluyendo entre tú y yo.
Pero ya en los brazos de tu triunfo
te inclinas de nuevo
dibujos
con el arco oscuro de las cejas
los efímeros firmamentos del amor.

Donnette l’hanno fatto.

Il tono con cui Luigi Maria Corsanico rivolge a noi questa lettura è quello meditato e meditativo che vuole aprire con voce pensosa, uno spiraglio di pietà per un gesto ignorato prima, incomprensibile poi ai più, e spesso ritenuto da costoro inaccettabile.
Oggi Luigi sul suo blog ed io sul mio (col titolo “Non scriverò più”) ricordiamo insieme la vita tragica di questo grande e infelice autore.

Letture/Lecturas

CESARE PAVESE (Santo Stefano Belbo, 9 settembre 1908 – Torino, 27 agosto 1950)

IL MESTIERE DI VIVERE
Diario, 22 giugno – 18 agosto 1950
Lettura di Luigi Maria Corsanico

CESARE PAVESE
IL MESTIERE DI VIVERE
1935-1950
1952 Giulio Einaudi editore s. p. a., Torino

~~~~~~~~

Marcello Comitini, 27 agosto 2020

Nel ritratto che Natalia Ginzburg traccia nel suo libro “Lessico Familiare” del 1963, gli ultimi gesti di Pavese sono ricordati come quelli di “uno che prepara e predispone il corso di una passeggiata o una serata.” E subito dopo precisa che “In lui la paura era più grande che in noi: era in lui la paura, il vortice dell’imprevisto e dell’inconoscibile, che sembrava orrendo alla lucidità del suo pensiero”. Leggendo con tono asettico le sue opere, vi scorgeremmo anche noi quel sorriso maligno che la Ginzburg scopre più volte sul viso di Pavese.

Quel sorriso che Fernanda Pivano (…

View original post 221 altre parole

Non scriverò più

Costance Dowling

a Cesare Pavese


22 marzo 1950 (*)

Verrà la morte e avrà i tuoi occhi
grandi profondi verdi come il mare
dove i miei sogni annegano.
Ostinata a fingerti cieca
non vedi la mia mano
che brancola in mezzo alle onde.
Ti ho dato il mio sguardo
ma tu immobile attendi
che le maree mi vengano contro.
Con furia le loro onde m’abbracciano,
una ad una mi lacerano, mi lasciano nudo.
Sei tu che le scagli all’improvviso
contro la mia nudità. La nudità della speranza
piegata in ginocchio davanti ai frantumi
dello specchio umiliato dal disamore.
Con gli occhi appannati
dallo stupore vedo alle mie spalle le onde
risucchiarmi nel gorgo
assieme ai dolori taciuti, a tutte le parole vane,
a tutto quello che il mio cuore chiedeva.

Ritornano la memoria e le angosce
che mi camminano accanto
come la donna con la sciarpa a colori
che le avvolge i capelli
e con in gola un sorriso
aspro di ruggine al sole.
Teneva per mano un ragazzo
vergognoso di sognare le vigne
e i boschi che oscurano
il cuore di mezza collina.
Adesso che la vita mi ha insegnato a morire
vedo nei loro occhi
tutte le cose
che dovranno accadere e dissolversi nel nulla.

27 agosto 1950 (**)

Così i miei occhi si aprivano e nasceva
una tenera intimità
con la notte e la terra
e il tuo sorriso di donna.
Tu passavi leggera come rondine o nuvole
alte sui filari delle vigne
che mi donavano frescura e stupore.
Ti ho chiamata e sei giunta
figura pallida della donna amata
col tuo passo leggero.
Vedo nei tuoi occhi brillare
piccoli e stretti coltelli
sogghigni di donna abituata a vedere
la nudità dell’uomo piegato sul proprio destino.
Mi tendi le braccia
dagli angoli oscuri di questa stanza
stringi il mio corpo
come tronco abbandonato all’ignoto.
Assaporo dalla tua bocca la carezza languida
del bacio che dona il sonno profondo
e chiude per sempre il dolore.
Nel forte dell’agosto
nella città semivuota gli occhi
si sono fatti radi e ciechi.
Mi guardano solamente
le colline al di là della pianura fumosa.

Non chiedo se gli occhi
che adesso si chiudono sono i tuoi o i miei.
Non voglio sapere.
Non farò più domande alla vita. Non scriverò più

(*) 22/03/1950 data in cui Pavese scrisse la poesia ” Verrà la morte e avrà i tuoi occhi”

(**) 27/08/1950 data in cui Pavese “con la carezza languida del bacio” si è tolta la vita.

Mi manca l’aria (IT – FR – ENG – ESP)

Foto di Michael Thompson (*)

Credimi, mi manca l’aria
tanta è la voglia di toccare il tuo corpo
carezzare il foulard di seta dei capelli
la piuma scura tra le tue gambe
Ma nella stanza ci sono solo le quattro mura.
Manca il movimento erotico delle tue labbra
che fanno scivolare lungo il mio corpo
le carezze calde e umide della tua saliva.
Manca il miele della tua voce, luminosa nell’alba,
roca la notte, tra i lampi di seta delle lenzuola.
Il pavimento lucido di cera e il soffitto color celeste
parlano di te come un coro univoco
del tepore della tua guancia
e la dolcezza della tua fronte.
Ma chiudo gli occhi e il tuo corpo è qui
così intensamente unito al mio corpo
da darmi il dolore
concreto della tua assenza.

(*) Non ho bisogno di foto di donne nude per creare erotismo!

L’air me manque

Crois moi, l’air me manque
tel est le désir de toucher ton corps
caresser la soie parfumée des tes cheveux
la plume sombre entre tes jambes
Mais dans la pièce, il n’y a que les quatre murs.
Le mouvement érotique de tes lèvres manque
qui glissent le long de mon corps
les caresses chaudes et humides de ta salive.
Le miel de ta voix lumineuse à l’aube manque
rauque la nuit entre les éclairs de soie des draps.
Le sol en cire polie et le plafond bleu ciel
parlent de toi comme un chœur univoque
de la même chaleur de ta joue
et la douceur de ton front.
Mais je ferme les yeux et ton corps est là
si intensément uni à mon corps
qu’il me donne la mesure exacte
de ton absence.

(*) Je n’ai pas besoin de photos de femmes nues pour créer de l’érotisme!

I miss the air

Believe me, I miss the air
such is the desire to touch your body
caress the perfumed silk of the hair
the dark feather between your legs
But in the room there are only the four walls.
The erotic movement of your lips is missing
that slide along my body
the warm moist caresses of your saliva.
is missing the honey of your luminous voice in the dawn
hoarse in the night between the flashes of silk of the sheets.
The wax polished floor and the sky-blue ceiling
they talk about you together like a choir univocal
of the warmth of your cheek
and the sweetness of your brow.
But I close my eyes and your body is here
so intensely united with my body
to give me the exact measure
of your absence.

(*) I don’t need naked women photos to create eroticism!

Extraño el aire

Créeme, extraño el aire
tal es el deseo de tocar tu cuerpo
acariciar la seda perfumada del cabello
la pluma oscura entre tus piernas.
Pero en la habitación solo hay cuatro paredes.
Falta el movimiento erótico de tus labios
que se deslizan sobra mi cuerpo
las cálidas caricias húmedas de tu saliva.
Falta la miel de tu luminosa voz en el alba
ronca la noche entre los destellos de seda de las sábanas.
El piso de cera pulida y el techo celeste
hablan de ti juntos como un coro univoco
de la calidez de tu mejilla
y la dulzura de tu frente.
Pero cierro los ojos y tu cuerpo esta aqui
tan intensamente unido a mi cuerpo
que me da la medida exacta
de tu ausencia.

(*) ¡No necesito fotos de mujeres desnudas para crear erotismo!

Inadeguato

Toulouse-Lautrec, La Goulon et Valentin-le désossé, 1895

Nelle luci attenuate dei bar
guardo le piazze deserte
gli angoli bui dei viali
illuminati dagli sguardi famelici
delle auto lente e silenziose.
Cerco le infinitamente belle
le amanti eterne dell’amore sfuggente.
Donne angelo sole
com’è solo ogni essere umano
nella solitudine.
Ebre di sguardi
del rosso fuoco delle loro bocche
del sole che brilla
nelle notti dei loro occhi
schiave della perfidia degli uomini.
Mi passano dinanzi nascondendo il cuore
con le mani il volto e il desiderio di volare.
Con il bicchiere in mano
vuoto come il mio cuore,
nel pallore della luce aspetto
che la più bella levi le mani dal viso
abbassi gli occhi
sciolga con languore i capelli
mi stringa
tra le sue braccia d’angelo.

Un’auto spalanca i fari mi colpisce
fa di me
un’ombra transitoria.

Due città

Lungo i viali ancora deserti
la fiamma dell’alba ha spinto
i brandelli del manto notturno
tra le foglie e gli uccelli
pigolanti sugli alberi.
L’ultima stella è un diamante
che brilla nel roseo incarnato dell’aurora.
Svelata dall’aria limpida
la bellezza splendente di Roma
riluce di cupole templi duomi
e del suo cuore che dorme
nella serenità dei giardini.
In tanta quiete provvisoria
il fiume scorre
verso la libertà silenziosa
della dimenticanza.
Il mio cuore immobile così prossimo al nulla
è prigioniero di questa serenità fuggente.
Tra immagini e rimpianti
guarda la città datami in sorte
che di me com’ero non parla,
la sogna alta sulle rocce
tra le nebbie della malinconia
del mare profondo e azzurro
che risuona nella mia memoria.

Da lui ancora in erba prendevo il largo.

Per giungere dove?
Oh mia imperitura inesperienza…

La torre

Una volta ero come un grande edificio
dal corpo severo e popolato.
Dominavo su tutta la città
dove si riparavano gli sbandati
famiglie diverse di operai
contadini e sfruttati.
Il mio corpo adesso è crollato
come una torre dell’undici settembre.
Il cuore malato di libertà illusorie
è esploso e le ceneri del passato
sparse lungo le strade della mia vita.
Sulle scale delle stazioni
dove sono scesi e saliti tutti i miei sogni
in compagnia della miseria di quelle persone
hanno bloccato ogni via di salvezza.
Sugli angoli rosicchiati dai dubbi
i soccorsi giunti con prevedibile ritardo
hanno sgomberato le macerie ancora fumanti.
Ora c’è una larga spianata
dove sanguinano tanti amori
come papaveri falciati vivi per sbaglio.