Stefanie Golisch, Limite nivale

Dove finisce la neve possiamo noi
cominciare come se fosse necessario
un confine, ma forse siamo noi stessi
la neve che si attende, la mia è la storia
di tutti, sono la bocca che dice sì e no,
il cuore che si dona al primo che passa,
ansioso di commettere errori, sono il
ricordo che si vergogna, la parola
scordata appena venuta al mondo,
sono la neve, l’attesa, le ore, l’ora,
ora.

Stefanie Golisch, nata in Germania, vive, legge e scrive dal 1988 in Italia. L’ultima pubblicazione: Rachel Bespaloff, Die Illias, Berlin, 2019. ( a cura di SG).

23 pensieri su “Stefanie Golisch, Limite nivale

  1. Pingback: Stefanie Golisch traduce “Periferie” in tedesco (testo anche in italiano) | marcellocomitini

  2. Non conosco questa poetessa…cercherò.
    Il limite e la neve…il limite si può oltrepassare, la neve si scioglie e corre verso l’esistenza umana, la scandaglia…credo. provo a capire questa nuova tua proposta.

    "Mi piace"

  3. Pingback: Gioielli Rubati 126 : Daniela Cerrato – Stefanie Golisch – Agostino Resta – Leda Palma – Bianca Bi – Maria Allo – Carmine Mangone – Federico Cinti. | almerighi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.