Isacco in questo secolo

Caravaggio_-_sacrificio di Isacco

Caravaggio – Il sacrificio di Isacco (particolare)

Ogni momento vive come un Isacco inerme,
carico di legna per dare un nome al sacrificio.
Tu porti il fuoco in grembo e il coltello nella mano.
Gli angeli che gli stanno intorno
nei loro camici bianchi lo tengono
stretto tra le braccia. Nessuno
ferma la tua mano, nessuno
tiene prigioniero un ariete nel cespuglio.
Gli angeli brandiscono il coltello sul suo corpo piagato
lo alzano, lo abbassano, gli infliggono ferite
innumerevoli che gli permettano di vivere
una vita che pascola nella tua illusione.

Sei cieca? No, che nel tuo sangue la sua voce invoca.
Il padre celeste non mi vuole tra le sue braccia?

È così brutto morire?
Madre, non vedi che brucio? Dove vado ormai ?
Il mio volto sorride a un riva
cui non so dare un nome. Lascia
il mio cuore che vada sereno verso la sua ora.
Sonde pescano nel mio corpo
simili ai chiodi del Cristo
che ami, il dio
che redime il mondo con la sua
immortale mortalità.
Rinuncia al tuo sogno. Nessuna donna
troverà sulla mia tomba
scoperchiata un angelo col dito verso il cielo.
Ci diremo addio? No, quel fuoco
rimarrà nel tuo grembo
a dare un nome ai nostri giorni.

13 pensieri su “Isacco in questo secolo

  1. una bella poesia che denuncia il poco rispetto per la vita umana.
    Sino a un paio di secoli fa la Farmacologia aveva grossi limiti poichè non poteva salvare vite grazie a penicillina e antibiotici scoperti poi. Ora che la ricerca ha portato all’introduzione sul mercato anche del superfluo (molti farmaci sono meri palliativi) se ne fa un uso spesso immorale. La prima cosa che sarebbe da tener presente è il rispetto per la vita umana, che non include solo l’obbligo di curarla e salvarla, ma di dargli pure una morte dignitosa. A tal proposito è interessante questo articolo:
    http://temi.repubblica.it/micromega-online/fine-vita-la-denuncia-mio-padre-voleva-interrompere-le-cure-ma-non-gliel-hanno-permesso-calvario-nonostante-la-legge/

    Grazie Marcello per questi toccanti versi. Buona giornata

    Piace a 1 persona

  2. Pingback: La triste Italia del rancore – bortoblog 28 – cor-pus 15

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.