Cronaca di un mondo (ITA – FR – ENG)

Cronaca di un mondo

Cronaca di un mondo

Fu in un inverno di tanti anni fa
che ho abitato alla periferia di Milano
quando ancora la neve imbiancava le fabbriche
e dalle case uscivano operaie e operai
come uccelli in cerca di cibo.
Oscillavano mezzi assonnati
avanti e indietro lungo i binari
parlavano dell’incertezza
del loro futuro, della povera paga
delle giornate che non avevano fine.
Già neri e stanchi dentro i vagoni
dai finestrini opachi di nebbia all’esterno
e all’interno dai fiati scaldati
dai corpi senz’aria per respirare.
Studenti parlavano a voce alta
e sghignazzavano dei professori
dei loro volti pieni di paura.
I più fanatici gambizzavano i riottosi
e altri uccidevano
magistrati e politici.
Erano gli anni dei primi amori
quando lei con il pugno alzato
inneggiava alla vita con il sorriso
smagliante dei suoi diciott’anni
e i capelli volavano al vento
come una sciarpa di seta tra le mie mani.
Guardavo il suo corpo come si ammira
una bandiera che sventola i suoi colori
e l’abbracciavo con la forza disperata dell’uomo
che si avvinghia alla propria fede.
Anch’io con il pugno alzato credevo
di lottare per un mondo che non esisteva
per un mondo che avrebbe sconfitto
quello in cui vivevamo. Assemblee
discussioni, schiamazzi come fossimo mille,
moniti scritti sui muri
rotolavano nelle parole come pugni
battuti sui tavoli.
Nelle aule gremite e lungo i corridoi
la notte scendeva riluttante
nei fiati infiammati di vita e di libertà.
Nel tepore dei sacchi a pelo i corpi ancora impetuosi
non più di parole lentamente si cercavano
s’intrecciavano le dita,
e mani esili e bianche si smarrivano
tra quelle feroci del compagno.
Nelle strade carezzate dalla luce dei fanali
simili a stelle avvicinatesi a guardare dalle finestre
quel qualcosa che sapeva d’eterno,
si muovevano greggi di ombre
con la luce attraente di piccole torce per aggregare
le nostre anime e ricondurre i corpi
in questo vecchio mondo dove ancora viviamo

Avviso: Le traduzioni che seguono, in inglese e in francese, non possono essere considerate poesie perché non ho la conoscenza sufficiente di queste lingue, per ottenere quell’armonia necessaria a comporre vere poesie. Le traduzioni servono soltanto a permettere a chi non conosce l’italiano, il contenuto dei versi

Remarque: les traductions suivantes, en anglais et en français, ne peuvent pas être considérées comme des poèmes, car je ne connais pas suffisamment ces langues pour obtenir l’harmonie nécessaire pour composer de vrais poèmes. Les traductions ne sont utilisées que pour permettre de comprendre le contenu des poèmes aux personnes peu familiarisées avec l’italien

Notice: The following translations, in English and French, cannot be considered poems because I do not have sufficient knowledge of these languages, to obtain that harmony necessary to compose real poems. The translations are used only to make it possible to understanding, to those unfamiliar with Italian, the content of the poems

Chronique d’un monde

C’était dans un hiver d’il y a tant d’années
que je vivais à la périphérie de Milan
quand la neige blanchissait encore les usines
et les travailleurs sortaient des maisons
comme des oiseaux à la recherche de nourriture.
Ils oscillaient à demi ensommeillés
En faisant les cent pas le long des voies
et parlaient de l’incertitude
de leur avenir, des salaires insuffisants,
des jours de travaille sans fin.
Déjà noirs et fatigués dedans les wagons
aux fenêtres opaques de brouillard à l’extérieur
et à l’intérieur des souffles chauffés
par les corps sans air à respirer.
Les étudiants parlaient à haute voix
et ricanaient des professeurs
de leurs visages marqués par la peur.
Les plus fanatiques blessaient aux jambes les rétifs
et d’autres tuaient
magistrats et politiciens.
Ce furent les années des premiers amours
quand elle avec le poing levé
glorifiait la vie avec son sourire
éblouissant de ses dix-huit ans
et les cheveux volaient au vent
comme un foulard en soie dans mes mains.
Je regardait son corps comme on admire
un drapeau qui flotte ses couleurs
et je l’embrasais avec la force désespérée de l’homme
qui s’accroche à sa foi.
Moi aussi je croyais avec mon poing levé
me battre pour un monde qui n’existait pas
pour un monde qui aurait vaincu
celui dans lequel nous vivions. Réunions
discussions, tapages comme si nous étions mille,
avertissements écrits sur les murs
roulaient dans les mots comme des poings
battus sur les tables.
Dans les salles surpeuplées et dans les couloirs
la nuit tombait à contrecœur
dans les souffles enflammés de vie et de liberté.
Dans la chaleur des sacs de couchage, les corps encore impétueux
non plus par les mots se cherchaient lentement
les doigts s’entrelaçaient,
et délicates mains blanches s’égaraient
parmi celles féroces du compagnon.
Dans les rues caressées par la lumière des réverbères
comme des étoiles s’approchant pour regarder par la fenêtre
ce quelque chose qui sentait d’éternité,
des ouailles d’ombres se déplaçaient
avec une lumière attrayante de petites torches pour agréger
nos âmes et ramener les corps
dans ce vieux monde où nous vivons encore

Chronicle of a world

It was in a winter of so many years ago
that I lived on the outskirts of Milan
when the snow was still whitening the factories
and the workers were coming out of the houses
like birds looking for food.
They were oscillating half-asleep
back and forth along the tracks
and talked about uncertainty
of their future, the insufficient salaries
the days of endless work.
Already black and tired in the wagons
from the opaque windows of fog outside
and inside from the winds warmed
by bodies without air to breathe.
Students spoke aloud
and sneered of the teachers
for their faces marked by the fear.
The most fanatic wounded the restive to the legs
and others were killing
magistrates and politicians.
Those were the years of the first loves
when she with her fist lifted
glorified life with his smile
dazzling of his eighteen years
and the hair was flying in the wind
like a silk scarf in my hands.
I looked at his body as one admires
a flag that wave its colors
and I was hugging him with the desperate strength of man
who clings to his faith.
I too believed with fist lifted
to fight for a world that did not exist
for a world that would have defeated
the one we lived in. Meetings
discussions, noises as if we were a thousand,
warnings written on the walls
rolled in words like fists
beaten on the tables.
In crowded classrooms and along corridors
the night came down reluctantly
in flaming breaths of life and freedom.
In the warmth of sleeping bags the bodies still impetuous
no more for words, were slowly searching for each other,
the fingers intertwined,
and delicate, white hands get lost
in those fierce of the companion.
In the streets caressed by the light of the lampposts
like stars approaching to look out of the windows
that something that smelled of eternity,
flocks of shadows were moving
with an attractive light of small torches to aggregate
our souls and bring back the bodies
in this old world where we still live

 

21 pensieri su “Cronaca di un mondo (ITA – FR – ENG)

  1. Un sogno che sembrava non finisse mai, poi però tutto cambio improvvisamente dopo l’uccisione di Moro e dopo la strage di Bologna.
    Una poesia che rievoca con effetti sinestetici di elevata forza immaginifica, la leggerezza di un passato indimenticabile.
    Un caro saluto

    Piace a 3 people

    • Sì, Francesco. Ho appena accennato ai delitti commessi (che poi furono quelli che sancirono il fallimento dei principi ispiratori del ’68). Ma rimane la poesia di donne sbocciate come fiori mai giustamente ammirate e di sentimenti nati nel desiderio, sia dei ragazzi che delle ragazze di rivoluzionare il rapporto donna-società-sesso maschile.
      Grazie della visita e di questo tuo commento.

      Piace a 1 persona

  2. sembra trascorso un secolo, ma è un nostalgico ricordo di anni in cui ero troppo piccola per partecipare attivamente, ma ho comunque assorbito attraverso i discorsi dei miei genitori e della televisione la volontà di costruire un mondo mgilore per tutti. A quei tempi gli ideali erano ancora argomento di conversazioni accese ma costruttive, di sogni che non sembravano astratti ma in qualche modo realizzabili…sogni poi irrimediabilmente infranti di cui è rimasto il ricordo, e una fiammella ancora accesa nel cuore. Applaudo ai tuoi versi Marcello

    Piace a 3 people

    • Grazie dell’applauso, Daniela. La tua riflessione su quegli anni è assolutamente corretta. Come è corretto che tu abbia sottinteso che in questi tempi gli ideali non sono più argomento di conversazione e, quel che è più amaro, nemmeno di vita. Resta un tira a campare… Ma la fiammella…. Beh, è più che microscopica

      "Mi piace"

    • Grazie della visita e del commento, Mad. Nell’anno della tua nascita ormai l’avventura del 68 aveva assunto una piega del tutto diversa, per via di certe organizzazioni rivoluzionar-politiche (che poi erano il braccio armato di chi voleva che tutto tornasse a un’umiliante normalità). Nessuna nostalgia per questa triste deviazione dagli ideali del 68.

      "Mi piace"

  3. ero bambina in quel tempo ricordo mio padre che era duro come la terra che vangava non raccontava mai dei suoi ricordi lo faceva mia madre affinchè potessimo comprendere quello che avevano sofferto fame paure dolori volevano tenerci lontano dall’orrore che loro avevano vissuto ma quando i miei fratelli più grandi manifestavano quell’ottimismo verso un mondo migliore lui li avvisava :” l’uomo sa nascondere la sua cattiveria che prima o poi affiora non illudetevi. grazie buon 25 Aprile

    Piace a 3 people

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.