Ponti (4 novembre 1966)

Guglielmo Amedeo Lori,Tramonto d'autunno, 1904

Guglielmo Amedeo Lori, Tramonto d’autunno, 1904

Nei tramonti le braccia che affondi nell’acqua s’arrossano
e coloro che ti percorrono invasi dal dolore
sentono vibrare la tua voglia di fermare
la malinconia che scorre
tra le dita sommerse nell’oscurità del fango.
Chi ti ha condannato ad affondare in eterno
le braccia aperte nell’attesa di un abbraccio
che non ti sarà mai reso, che si arresti
lo scorrere inarrestabile del tempo?
O di quella furia assai simile all’odio
che ti strapperà le braccia e il cuore?
Tra le acque e il cielo sventolano i loro fazzoletti colorati
treni e auto che passano senza fermarsi.
E gli uomini ti attraversano
come mandrie legate ad un identico destino,
e mugghiano d’amore, a labbra chiuse.
Piangono la riva abbandonata per quel lungo viaggio
che ha un inizio e continua senza fine
e li riporta spesso alla stessa riva
calpestando a ritroso sino all’addio
le stesse pietre livide.

30 pensieri su “Ponti (4 novembre 1966)

  1. ponti che raccontano storie secolari, nazionali o personali, collegamenti di confine, ponti di tristezza per l’ultimo saluto alla vita, ponti di gioia simbolicamente lucchettati per amori passeggeri o eterni…e sotto o sopra di essi scorre l’acqua, la strada, comunque sempre la fuggevolezza del tempo. Bei versi e degno abbinamento di immagine. Ciao Marcello

    Piace a 1 persona

  2. Pingback: Ponti (4 novembre 1966) — marcellocomitini | l'eta' della innocenza

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.