La tentazione delle nuvole di Georges Rodenbach (1855 – 1898) Traduzione di Marcello Comitini

Rebloggo il post di Daniela Cerrato senza aggiungere altro, perché voglio che abbia il massimo risalto il suo commento introduttivo, quanto mai necessario alla comprensione dello spirito poetico che permea questa poesia, e dell’attualità del tema incentrato sul ruolo simbolico delle finestre quale invito alla fuga dalla quotidiana realtà.

Il Canto delle Muse

I viaggi delle nuvole sono visioni riprese e dipinte da famosi artisti, che spesso anche noi fotografiamo, nel loro scorrere naturale in cielo o riflesse sui vetri delle finestre, gli occhi delle case che trasmettono, attraverso sagome dinamiche, la vita interna o esterna, secondo la luce diurna o notturna ; le stesse sono state raccontate dalla poesia che segue di Georges Rodenbach, poeta e scrittore belga di corrente simbolista, di cui pubblicai un’altra poesia due anni fa.
Questa Tentazione delle nuvole è stata  tratta da LES VIES ENCLOSES, testo pubblicato nel 1896, e tradotta dall’ormai impagabile Marcello Comitini, già noto traduttore ed estimatore del pensiero Baudleriano, che è riuscito ad arrivare a questa versione per me straordinaria, di non facile quadratura, poichè da quanto ho inteso è stato difficile per lui calarsi nel pensiero dell’autore  che ha una percezione diversa della vita e della realtà. Ma Comitini è giunto…

View original post 563 altre parole

Un pensiero su “La tentazione delle nuvole di Georges Rodenbach (1855 – 1898) Traduzione di Marcello Comitini

  1. Grazie Marcello, felice di essere stata io ad introdurre questa tua riuscitissima traduzione, è una poesia assai gradevole di ampio respiro, attenta osservazione di ciò che le immagini colte attraverso i vetri riescono a trasmetterci; e non solo nel loro aspetto più fantastico e onirico, ma nella complessità del loro scorrere in spazi dell’ animo non sempre sorridente e gioioso, ma influenzato dalle molte sfumature d’umore che muta quanto la forma e il colore delle stesse nuvole tentatrici. Mi è piaciuto molto il passaggio
    “…Tentazione delle finestre ingannatrici
    che diffondono nell’ombra intima delle case
    l’incostante umore degli orizzonti cangianti
    e i loro rosa e le loro fiamme silenziose…”

    Buon pomeriggio e grazie ancora.
    Daniela

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.