Luna

Ruben Jimenez Notte su Praga

foto di Ruben Jimenez, Praga

Deboli stelle rade in questo cielo giallo
smaltato dai lampioni della città assordante.

Il fiume scende lentamente tra le alte mura grigie.

E tu luna che appari mite negli angoli più oscuri
ormai non trovi asilo che in ombrose memorie.

Spegni la tua inutile faccia bonaria
sulle dimore dove ronzano fragili speranze
dentro cuori di vetro, freddi come mai

tu sei stata, luna

 

16 pensieri su “Luna

  1. La luna non ha perso l’antico fascino, effettivamente si avverte la fatica ad aprire con fiducia i cuori per poter godere del suo magico influsso: diffidenza, cinismo, superficialità, cecità. o timore di apparire nella propria fragilità di umani? Chissà se la luna ha compreso il motivo… Molto belli i tuoi versi Marcello!

    Piace a 1 persona

    • Questo tuo accostarmi a Baudelaire mi onora. Certo non posso dimenticare le lezioni apprese traducendo i suoi versi, come non posso dimenticare, anche se in maniera molto meno incisiva, quelle degli altri poeti francesi che ho tradotto. Né quelle di Cesare Pavese, mio maestro di vita. Ma di fronte a loro mi sento un impacciato apprendista.
      Grazie della visita e del commento, Elena. Ho iniziato a curiosare nel tuo blog e spero di approfondire meglio la conoscenza.

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.