Parole dei poeti

mangrove-symphony-hengki-koentjoro

Heingki Koentjoro, mangrove symphony

Le parole dei poeti sono come le rose:

profumano i crepuscoli delle città

quando brillano le luci delle vetrine

e il cuore si nasconde in angoli bui.

Parole come canne sullo specchio dello stagno

dove ninfee galleggiano in acque serene

e corpi che si uniscono bacio contro bacio

in una sonnolenta nenia del cuore.

Versi che si nutrono di capelli di mani

di sogni abbandonati di lacrime spinose

rose che scendono dagli occhi sulle guance

abbracciano condannano fanno naufragare

lanciano segnali da naviglio a naviglio

nel mare in tempesta di lenzuola rotte.

 

E ci sono versi che non appartengono ai poeti

versi sporchi di ferro corrosi dalla ruggine

stipati in magazzini lungo porti abbandonati

dove non attraccano che poveri battelli

colmi di stanchezza e di piedi scalzi.

Parole di chi cade dentro buchi sudici

senza morire né vivere d’inedia,

cani da strada maltrattati poveri,

vecchi cacciati dalla loro vita

giovani che chiedono giorni in cui sperare.

Versi che si scrivono da soli

sulle lavagne sporche dei sobborghi.

Versi che si arrampicano lungo gli edifici

e sui tetti più alti tagliano nello spazio

le proporzioni esatte del bene e del male.

 

 

7 pensieri su “Parole dei poeti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.