Esercizi di danza

Jeanloup Stiueff danza

Jeanloup Stieff,   La danza

 

Lunghe e larghe le finestre alle pareti
filtrano nella sala ampia e deserta
infiniti granelli dorati nella luce polverosa
del meriggio che muore.
I pastosi colori del soffitto si rispecchiano
nello scintillio dei marmi al pavimento
in un tripudio di gialli di verdi e di celeste acceso
come un cielo che si fa largo fra cumuli di grigio.

I costumi pallidi di tulle
pendono dalle grucce nell’angolo d’ingresso
dove voi ragazze vi spogliate ridendo.
Serrate i nastri azzurri dei vostri capelli
tardate a rivestirvi dei costumi
sbirciando di sottecchi le grazie delle altre.
Alle pareti gli occhi degli specchi si riflettono
nel pianoforte all’angolo sul fondo della sala
con la lunga fila di denti che biancheggiano
tra le labbra atre di maschera rituale.
È il sorriso spento nell’attesa della musica
come voi che provate qualche passo
accennato nel silenzio sulla punta dei piedi
furtive guardando la rivale in quel gioco
che dona senso ai questi passi vuoti.

Alla luce che insanguina i vetri alle finestre
come un’ombra nella sala prendo posto al pianoforte
stendo innanzi a me le mani socchiudendo gli occhi.
Chino il capo sul petto
scorro le dita sul chiarore dell’avorio
simile ai denti gialli di una vecchia
che amata si abbandona sorridendo alle carezze
di un suonatore cieco.
I vostri visi attenti come stormi di falene
bruciano nell’aria l’oro della polvere.
La musica colpisce con i suoi martelli
le corde nascoste dei miei sentimenti
e voi mi offrite il concerto armonioso
dei vostri corpi che infiammano gli specchi
di luci diamantine.

Con un tempo lento e malinconico la sera
scolorisce alle finestre nella tenerezza della luce.
Nei vostri occhi sfolgora la notte e i sogni accesi dalla danza.

Potrebbero non esistere – dice la mia mente
a quella parte di me che vi segue con il cuore
volato via assieme alle vostre movenze.
simili a quelle della musica
alla dolcezza dei colori che dà vita al soffitto
ai riverberi cangianti del marmo che rimanda
ai vostri battiti d’ali.

Potreste non esistere – ancora mi ripete
a me che il volto chiuso nel gesto delle mani insisto
sui tasti per spegnere nel nero di questa vostra notte
la dolcezza atroce che mi opprime.

 

3 pensieri su “Esercizi di danza

    • Grazie del commento, Eugenetics.
      Degas non ha bisogno dei miei versi per prendere vita, ma proprio perché tu lo hai scritto, mi rende particolarmente felice. Confesso tuttavia che non sono state le opere di Degas ad ispirarmi ma la danza di una ballerina in carne ed ossa (più ossa che carne, ma dolce e flessuosa) che si esercitava in una sala completamente vuota, in uno scenario che mi è parso assolutamente surreale. Il pianoforte era muto in un angolo della sala, ed io avrei voluto suonarlo per accompagnare con il mio spiirito quelle seducenti movenze. Invece ho chiuso la porta e me ne sono andato trascinando dentro me quasi il dolore di un sogno infranto.

      Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.